Esteri

Morto Tarek Aziz, ex vice di Saddam Hussein

Giu 9th, 2015 | By

Tareq Aziz, l’ex ministro degli Esteri e vice premier cristiano iracheno durante il regime di Saddam Hussein, e’ morto nei giorni scorsi a 79 anni per un attacco cardiaco. Aziz e’ morto in prigione, dove si trovava da 12 anni. Nel 2003, infatti, era stato arrestato dopo l’invasione delle truppe anglo-americane e la caduta di Saddam Hussein.

[continue reading…]



70 anni dopo la fine della guerra ecco le nefandezze commesse dai russi

Mag 12th, 2015 | By

A distanza di 70 anni dalla fine della seconda guerra mondiale emergono sempre di più i vergognosi crimini di cui si sono macchiati i sovietici dopo la resa della Germania. In quei giorni tantissime donne, bambine e anziane vennero violentate dai soldati dell’esercito sovietico. I numeri sono difficili da verificare con certezza, ma si parla

[continue reading…]



Il vero volto dell’estrema destra francese

Mag 5th, 2015 | By

Femen all’attacco di Marine Le Pen. Nel momento in cui la leader del Front National iniziava il suo discorso a place dell’Opera, tre attiviste munite di megafono hanno fatto irruzione su un balcone sovrastante la piazza parigina esibendo sul torso nudo la scritta ‘Heil Marine’ e facendo il saluto nazista. Le Femen, riferisce il sito

[continue reading…]



Difendere l’Ucraina: un dovere per gli Usa e l’Europa

Apr 21st, 2015 | By

Se qualcuno ancora ha dei dubbi sul pericolo rappresentato dalla Russia di Putin per il resto del mondo le dichiarazioni del premier ucraino Arsenij Yatsenjuk dovrebbero sgombrare il campo da qualsiasi equivoco e far capire che tutti dobbiamo sostenere senza se e senza ma l’indipendenza del popolo ucraino. E’ dovere degli Usa e dell’Europa far

[continue reading…]



Dopo l’accordo con l’Iran aumentano i dubbi

Apr 14th, 2015 | By

Ancora non si è seccato l’inchiostro sulla firma dell’accordo con l’Iran che già si moltiplicano i dubbi sulla tenuta del medesimo, soprattutto sull’affidabilità del paese degli ayatollah a mantenere gli impegni presi. A riprova di ciò il leader israeliano Benyamin Netanyahu ha precisato in un tweet tramite il proprio portavoce: “Israele chiede che ogni accordo

[continue reading…]



FINLANDIA, APERTI AD HELSINKI I MERCATINI DI NATALE

Dic 10th, 2014 | By

Anche Helsinki ha aperto i suoi mercatini di Natale, detti di San Tommaso, disposti nella vasta e centrale piazza del Senato della capitale finlandese, forse tra i più a nord d’Europa. Particolarmente ampia questa edizione: oltre un centinaio gli stand, piccoli cottage, per sintonizzare al meglio i visitatori con lo spirito del Natale nordico. Il

[continue reading…]



I repubblicani travolgono Obama

Nov 8th, 2014 | By

“Ripudiato“, titola il Washington Post. L’America volta le spalle a Barack Obama, che perde anche il controllo del Senato. Nella lunga notte delle elezioni di midterm per il rinnovo della Camera e di un terzo del Senato, i repubblicani conquistano dopo otto anni il controllo dell’intero Congresso. Si apre così una fase politica nuova negli

[continue reading…]



Vince Poroshenko: l’Ucraina festeggia la libertà

Mag 30th, 2014 | By

Il re del cioccolato Petro Poroshenko ha vinto le elezioni presidenziali in Ucraina al primo turno. Due rilevazioni diffuse in Ucraina lo danno sopra al 50%: la prima al 55,9% la seconda al 57,3%. Molto staccata l’ex premier Yulia Tymoshenko, che avrebbe ottenuto il 12,9%, seguita da Oleg Liashko, radicale e indipendente, all’8%. Petro Poroshenko,

[continue reading…]



La Corea del Sud chiede alle società una riduzione delle emissione di CO2 del 3%

Set 16th, 2013 | By

Da Seoul arrivano segnali incoraggianti di interesse ai temi ambientalisti. Il governo sudcoreano si è impegnato a chiedere alle aziende nazionali di ridurre le emissioni di anidride carbonica per un totale di 17,2 tonnellate entro il prossimo anno, pari al 3% percento delle emissioni complessive. L’obiettivo per quest’anno era una diminuzione dell’1,5%, dunque la proposta

[continue reading…]



Mali: la Francia entra in guerra

Gen 21st, 2013 | By

Le condizioni favorevoli per far esplodere una guerra civile, si sono verificate alla fine del 2012, quando nel Mali la giunta militare di Amadou Sanogo è intervenuta nuovamente rovesciando il premier Cheick Modibo Diarra, del governo civile del Sud. Il Mali quindi si è trovato governato nel Sud da un esecutivo, guidato da Django Sissoko,

[continue reading…]