I 274 FINALISTI DI YOUNG BUSINESS TALENTS SI CONTENDERANNO LA VITTORIA A MILANO VENERDÌ 5 MAGGIO

Apr 29th, 2017 | Category: Cultura, Economia

Il conto alla rovescia è iniziato: mancano ormai pochi giorni alla finale di Young Business Talents (YBT), il programma rivolto a tutte le scuole italiane basato su un simulatore d’impresa che permette ai giovani di prendere decisioni all’interno di un’azienda.

L’iniziativa è organizzata da NIVEA, attraverso l’uso di un simulatore sviluppato dalla software house Praxis MMT, che nell’ambito delle sue attività di responsabilità sociale aiuta i giovani e, di conseguenza, le famiglie, a migliorare le loro prospettive professionali.

Degli oltre 3.900 ragazzi iscrittisi (in aumento di oltre l’11% rispetto allo scorso anno), che hanno dato vita a 1124 gruppi – altrimenti detti “aziende virtuali” – in gara (nella precedente edizione erano 1041), e dei 2.237 semifinalisti scremati a febbraio, in 274 hanno conquistato la finale, in programma venerdì 5 maggio a Milano, presso Superstudio di via Tortona.

I finalisti provengono da 15 regioni italiane: Abruzzo (province di L’Aquila e Teramo), Campania (Avellino e Caserta), Emilia-Romagna (Bologna e Modena), Friuli-Venezia Giulia (Trieste), Lazio (Frosinone e Roma), Liguria (Savona), Lombardia (Brescia, Como, Lecco, Lodi, Milano, Monza-Brianza e Varese), Marche (Pesaro-Urbino), Piemonte (Cuneo, Novara e Torino), Puglia (Bari, Barletta-Andria-Trani, Brindisi e Lecce), Sardegna (Sassari), Sicilia (Agrigento, Messina, Palermo e Ragusa), Toscana (Siena), Trentino-Alto Adige (Trento) e Veneto (Padova, Rovigo, Treviso, Venezia e Verona).

Le squadre sono 75, e la provincia che ne ha fornite di più è quella di Roma (10). Alla provincia della capitale spetta anche il primato del numero di finalisti (37), seguita da quella di Treviso (30), da quelle di Milano e Bari (14 ciascuna), da Ragusa (11) e poi da tutte le altre.

Le scuole che hanno espresso più finalisti (otto a testa) sono: l’IIS Ruggero II (provincia di Avellino), l’IIS Via di Saponara 150 e l’ITCG Paolo Toscanelli (Roma), l’ITC Falcone (Savona), l’IIS M. Bianchi (Monza-Brianza), l’ITC Bramante (Pesaro-Urbino), l’ITC L. Da Vinci (Messina), l’IIS Vico-Gagliardi-Umberto I (Ragusa), l’IIS Fanno e l’ISISS Da Collo (Treviso), l’ITT Mazzotti (Treviso) e l’IIS Luigi Luzzatti (Venezia).

Questa quarta edizione di Young Business Talents è la prima a tenersi in Italia dopo l’entrata in vigore della nuova legge di riforma n° 107/15 (altrimenti detta “la buona scuola”), che all’art. 1 dal comma 33 al comma 44 introduce e regolamenta l’obbligo di alternanza scuola-lavoro per tutti gli alunni del triennio delle scuole secondarie di secondo grado nella misura di 200 ore nei licei e 400 ore negli istituti tecnici e professionali, fruibili anche durante il periodo di sospensione dell’attività didattica e all’estero.

L’utilizzo del simulatore e la partecipazione al concorso valgono 120 ore nel contesto del programma Impresa Formativa Simulata.

Ricordiamo che, ai sensi della legge, in sede di esame di Stato i progetti di Alternanza Scuola Lavoro e Impresa Formativa Simulata peseranno ben 40 punti contro i 25 attuali, e le prove scritte potranno valere un massimo di 20 punti ciascuna (oggi le tre prove scritte valgono 15 punti a testa e nel colloquio si può arrivare a un massimo di 30).

Le squadre finaliste si divideranno un montepremi di 11.670 euro. In dettaglio, le 15 squadre meglio classificate in ognuna delle 15 simulazioni della finale otterranno 400 euro ciascuna.

In aggiunta, le cinque finaliste che raggiungeranno il massimo profitto otterranno 600 euro (la prima), 480 euro (la seconda), 360 euro (la terza), 280 euro (la quarta) e 200 euro (la quinta).

Gli insegnanti e gli istituti scolastici riceveranno a loro volta dei premi.

La competizione si svolge anche in Spagna, Messico, Portogallo e Grecia.

 

Rosamaria Mollica