Luci e ombre che arricchiscono una città

Nov 25th, 2014 | Category: Attualità

Luzinterruptus è un gruppo artistico anonimo che realizza interventi urbani per le strade di Madrid, utilizzando luci e ombre come materie prime.
I membri del gruppo che provengono da diverse discipline come l’arte e la fotografia, hanno deciso di unire la loro creatività in un’azione comune per protestare su alcune questioni di pubblico interesse.
“Abbiamo cominciato ad agire alla fine del 2008, con la semplice idea di concentrare l’attenzione della gente usando la luce “per fare luce” sui problemi della città, che sembrano passare inosservati alle autorità e ai cittadini”, spiegano i membri sul loro sito.

Tuttavia a differenza di quello che si potrebbe pensare, quello che realizzano non ha uno scopo sovversivo: “A volte vogliamo semplicemente abbellire, evidenziare luoghi anonimi, angoli speciali oppure oggetti che riteniamo di straordinario valore artistico ma che, per ragioni sconosciute, vengono lasciati per strada; ci muoviamo con l’intenzione artistica di persone anonime”.

Ogni installazione viene realizzata con il materiale che maggiormente ispira gli artisti: la luce.
“Oltre a fornire un grande impatto visivo, la luce ci permette di fare interventi di vario tipo, evitando il deterioramento dell’arredo urbano e lasciando spazio sulla scena anche ad altri artisti”.
Da questa comunione di intenti sono nate, ad esempio, le ultime installazioni sui marciapiedi madrileni chiamate “erbacce mutanti”: una risposta diretta alla legge approvata dal Dipartimento dell’Ambiente del Comune di Madrid che consente alle farmacie di utilizzare insegne al neon molto più potenti di quelle degli altri negozi.

“L’inquinamento luminoso, a Madrid, è un problema serio, si potrebbe dire che la maggior parte degli spazi verdi urbani nella nostra città sono principalmente il frutto di erronee regole sui segnali luminosi.
Scarseggia, infatti, l’impegno delle nostre istituzioni nel donare alla città luoghi per entrare in contatto con la natura”.
Le “erbacce mutanti” (dei bastoncini fluorescenti che sembrano fili d’erba) sono una sorta di protesta-previsione del futuro in cui le piante crescono dal calcestruzzo, alimentate dal bagliore verde inquietante dei segnali delle farmacie.

Attraverso la luce il gruppo artistico si è dedicato anche al problema dell’acqua.
“A Madrid, in meno di 30 anni, oltre il 50% delle fontane pubbliche in servizio è andato perduto.
Se ne vedono molte pronte alla demolizione o semplicemente rotte, senza un rubinetto per bere o letteralmente a secco. Ci fa molto arrabbiare il fatto che per bere in un luogo pubblico dobbiamo comprare una bottiglia d’acqua in un chiosco o andare in un bar, per non parlare del divertimento di cui vengono privati i bambini che giocano nei parchi o nelle piazze. In generale, per trovare una fontana, si deve camminare per più di 5 km”.

Per criticare l’indifferenza dell’amministrazione circa l’assenza di un servizio pubblico necessario (tanto più in una città calda come Madrid) il gruppo ha svolto un’azione artistica di strada creando dei flussi luminosi d’acqua che scorrono dalle fontane dove l’acqua vera non c’è.
“In una notte fredda alla fine di gennaio, siamo usciti in strada e abbiamo preso il controllo delle 4 fontane pubbliche non utilizzate nel centro della città, riportandole in vita per qualche ora simulando l’acqua con delle piccole fiale unite tra loro e riempite di lucine azzurre.
In questo modo abbiamo voluto dire che l’acqua è necessaria per la vita e che le fontane che vengono utilizzate per bere e rinfrescare ci sembrano molto più necessarie e belle di quelle che sono soltanto ornamentali, dovei cittadini non possono normalmente avvicinarsi”.

Infine, sempre con la luce, il gruppo ha voluto rendere omaggio all’autunno appena passato: “perché amiamo questa stagione, che riempie le strade con foglie secche che ricoprono l’asfalto freddo di meravigliosi toni arancio”.
Ma ci sono strade di Madrid dove l’autunno non arriva mai, dove c’è solo cemento o gli alberelli hanno soltanto foglie perenni, sempreverdi: “chi fa una passeggiata in queste zone non trova riferimenti climatici o stagionali. Così siamo andati al Parque del Oeste, dove abbiamo raccolto 5 sacchi pieni di belle foglie secche che abbiamo trasportato al centro della città, in quei punti dove la natura non è più rappresentata”.
Hanno messo le foglie sotto i lampioni, la cui luce mette in risalto la nostalgia per i colori di un autunno che non c’è.

 

Danilo Ferrante