Scandalo in Austria: per i sovranisti è l’inizio della fine

Mag 19th, 2019 | Category: Esteri, Primo Piano

Per i sovranisti dopo lo stop della Finlandia arriva un’altra pessima figura che può costituire per loro l’inizio di una parabola discendente che salvi l’Europa dal pericolo da loro rappresentato.

Dopo la bufera politica in Austria il presidente Alexander Van der Bellen ha proposto che le elezioni legislative anticipate, convocate a seguito dello scandalo che ha travolto il partito di estrema destra Fpo costringendo il suo leader Heinz-Christian Strache a dimettersi da vice-cancelliere, si tengano a settembre.

“La mia preferenza è per elezioni anticipate a settembre, se possibile all’inizio del mese di settembre”, ha dichiarato il capo dello Stato dopo avere incontrato il cancelliere austriaco, il conservatore Sebastian Kurz. Quest’ultimo ieri aveva annunciato la fine della sua coalizione con l’Fpo dopo 18 mesi al governo insieme.
“Quello che è accaduto non eèuna cosa austriaca e parlando con il cancelliere Kurz eravamo concordi che l’unica soluzione sono nuove elezioni. Adesso dobbiamo pensare solo al benessere del nostro Paese”, ha aggiunto Van der Bellen dalla Hofburg a Vienna.

La crisi di governo in Austria è scoppiata a seguito del video-scandalo dove Heinz-Christian Strache, da ieri dimessosi dall’incarico di vice cancelliere, nel luglio 2017 ad Ibiza durante la campagna elettorale prometteva appalti ai russi.

E se si andrà alle urne la speranza è che l’Austria dia il colpo di grazia a questi pericolosi estremismi.